ECOREATI, ARRIVA IL SÌ DEL SENATO. MINISTRO ORLANDO: “PROCESSO ETERNIT ORA SAREBBE DIVERSO”

1 comments

Introdotti i nuovi reati di inquinamento ambientale, di disastro ambientale, i delitti colposi contro l’ambiente, il traffico e l’abbandono di materiale radioattivo. Il testo ora dovrà tornare alla Camera

310x0_1422600806330_rainews_20150130075239620

Il Senato ha approvato il disegno di legge sui reati ambientali. 165 voti favorevoli, 49 contrari e 18 astenuti, il provvedimento, dopo le modifiche apportate da palazzo Madama, torna ora all’esame della Camera in terza lettura. Favorevoli Sel e Movimento 5 stelle, la Lega si è astenuta mentre ha votato contro Forza Italia. Il disegno di legge introduce i nuovi reati di inquinamento ambientale, di disastro ambientale, i delitti colposi contro l’ambiente, il traffico e l’abbandono di materiale radioattivo, il reato di impedimento al controllo. Vengono poi raddoppiati i termini di prescrizione per i reati ambientali “La migliore risposta politica a una vicenda come quella di Eternit” ha commentato il Guardasigilli, Andrea Orlando. Con questo disegno di legge “quel procedimento sarebbe stato completamente diverso”, ha osservato. Esprime poi soddisfazione “per un testo “equilibrato” che consente alle imprese “di essere soggetto partecipe per il recupero ambientale e per trasformare la nostra economia in un’economia ecosostenibile”.

Fonte: RaiNews

 
Share This:

Comments ( 1 )

  • David says:

    E se ti dicessi che forse e8 oltre il 50% dei siicniali che non meritano la nostra amata TERRA. E dire che proprio in Sicilia si rappresentavano le tragedie mentre i “lumbard” non avevano la minima idea di casa si parlasse. Speriamo nei giovani o meglio nei bambini; gie0 vedo il comportamento di molti dodicenni e credo che ci sono poche speranze per recuperali. E se l’educazione cominciasse in modo obbligatorio, con la conoscenza dei cicli biologici della natura e della campagna? Ammesso che in un futuro tutto non sare0 abbandonato o bruciato dai prossimi roghi estivi!

     

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *